Alvar Aalto

Nascita: 3 febbraio 1898
Morte: 11 maggio 1976
Opere famose: La sedia Paimio, lo sgabello impilabile Model 60, la lampada a sospensione Golden Bell A330S, la lampada a sospensione Hand Grenade A110 e i vasi Aalto.
Istruzione: Architettura presso Helsinki University of Technology

Hugo Alvar Henrik Aalto è senza dubbio uno dei più grandi designer finlandesi di tutti i tempi. È meglio conosciuto per il vaso Aalto, così come per i suoi mobili in legno di betulla; incluso sgabello Model 60, un classico che è stato copiato innumerevoli volte. Come molti altri architetti del suo tempo, Alvar aveva molte altre competenze oltre a disegnare case. Per lui era importante che un edificio apparisse come un insieme e non un oggetto isolato. Ha quindi iniziato a progettare mobili e illuminazione che si adattassero al suo stile architettonico e con grande successo.

La sua più grande ispirazione per l'illuminazione sono stati i raggi del sole e l'effetto della luce solare. In generale, la natura è stata una grande fonte di ispirazione per Alvar, come si vede chiaramente nella sua architettura e nel suo design. Come i suoi mobili, le sue lampade hanno raggiunto lo status di classico. Il suo design senza tempo è particolarmente noto per l'aspetto pratico e funzionale che è stato il più delle volte il punto di partenza quando si è lanciato in un nuovo progetto.

La storia

Figlio di Selma Matilda e Johan Henrik Aalto, Alvar Aalto è nato a Kuortane in Finlandia nel 1898. La famiglia si trasferì nella Finlandia centrale quando Alvar Aalto aveva 5 anni, e a 18 Aalto completò la formazione scolastica di base. Ha poi preso lezioni di disegno da un artista locale di nome Jonas Heiska, per iniziare poi gli studi di architettura all'Università di Tecnologia di Helsinki.

Mentre studiava costruì la sua prima opera di architettura; una casa per i suoi genitori ad Alajärvi. Nello stesso periodo compie il suo primo viaggio all'estero passando da Stoccolma a Göteborg, dove ha collaborato con l'architetto Arvid Bjerke. Tornò a Jyväskyla dove aprì uno studio di architettura che ebbe molto successo nella costruzione di diverse piccole case monofamiliari.

Con una quantità crescente di lavoro, nel 1933 Aalto trasferì il suo ufficio a Helsinki, dove costruì un ufficio domestico condiviso. Nel 1924 Alvar sposò la giovane architetta Aino, che lavorava nel suo studio. La loro luna di miele è stata in Italia, dove gli sposi hanno visitato Venezia e Firenze. L'architettura italiana ha fatto una grande impressione su Alvar Aalto, in particolare le piccole chiese di campagna. Ciò si riflette nella sua tarda architettura, con la loro costruzione asimmetrica, le pareti bianche e pulite e il carattere rustico.

L'inizio di Artek

Grazie alla grande attenzione di Aalto ai vari fattori che influenzano uno spazio, gli è stato naturale progettare anche mobili e accessori per la casa e illuminazione per i suoi edifici. Non era molto entusiasta delle moderne sedie in metallo ed ha ricercato quindi una tipologia di materiale che desse alle sedie un miglior comfort: la soluzione è stato il legno modellato, per il quale Aalto è ancora oggi famoso. Negli anni '30 inventò un metodo di produzione che consentiva di modellare e creare giunzioni in legno. Ha sperimentato con le forme organiche per risolvere problemi complessi. Un esempio è la sedia Paimino che, secondo Aalto, aveva una pendenza in grado di facilitare la respirazione nei pazienti affetti da tubercolosi.

I mobili di Aalto furono esposti a Londra e Milano, dove ricevettero molta attenzione. Insieme al successo è arrivata una grande richiesta per i suoi mobili, ma non era interessato a fare affari e quindi ha rifiutato tutte le richieste. Un rappresentante della sua fabbrica di mobili in Inghilterra si mise in contatto con il buon amico di Aalto, Niels-Gustav Hahl per soddisfare, In collaborazione con Marie Gullichsen, la grande domanda per i suoi mobili.

L'azienda finlandese Artek è stata quindi fondata nel 1935. Dietro l'azienda c'erano lo stesso Alvar Aalto, la moglie Aino Aalto, Nils-Gustav Hahl e Marie Gullichsen. La loro missione era "Vendere mobili e promuovere la cultura della vita moderna attraverso mostre e altri mezzi educativi". Così nasce Artek, che oggi vende mobili, accessori per la casa e illuminazione.

Leggi di più su Artek qui
A201 Lampada a Sospensione Bianco/Ottone - Artek
Previsto in magazzino tra: 21-24 giorni
A810 Piantana Acciaio - Artek
Previsto in magazzino tra: 21-24 giorni
A622 Plafoniera Ø570 Bianco - Artek
Previsto in magazzino tra: 21-24 giorni
A910 Applique da Parete Bianco - Artek
Previsto in magazzino tra: 21-24 giorni
A811 Piantana Nickel-Plate Ottone - Artek
Previsto in magazzino tra: 21-24 giorni
A808 Piantana Ottone - Artek
Previsto in magazzino tra: 21-24 giorni
A810 Piantana Ottone - Artek
Previsto in magazzino tra: 21-24 giorni
A811 Piantana Ottone Lucidato - Artek
Previsto in magazzino tra: 21-24 giorni
A808 Piantana Bianco - Artek
Previsto in magazzino tra: 21-24 giorni
A333 Turnip Lampada a Sospensione Bianco - Artek
Previsto in magazzino tra: 21-24 giorni
A622 Plafoniera Ø465 Bianco - Artek
Previsto in magazzino tra: 21-24 giorni
Visualizzazione di 31 prodotti su 31
Condividi le tue foto con @lampemesteren
Tagga #siilmaestrodellilluminazione, e le tue foto potrebbero essere le prossime mostrate qui. Ispira e lasciati ispirare, da una casa unica all'altra.